1. SKIP_MENU
  2. SKIP_CONTENT
  3. SKIP_FOOTER
  • Al Cibart di Carrara (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)
  • Marmo Rosso Verona per la Maternità (dal n. 669 L'Informatore del Marmista)
  • Realtà virtuale (dal n. 669 L'Informatore del Marmista)
  • Macchine virtuose (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)
Al Cibart di Carrara (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)

Al Cibart di Carrara (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)

Marmo Rosso Verona per la Maternità  (dal n. 669 L'Informatore del  Marmista)

Marmo Rosso Verona per la Maternità (dal n. 669 L'Informatore del Marmista)

Realtà virtuale (dal n. 669 L'Informatore del Marmista)

Realtà virtuale (dal n. 669 L'Informatore del Marmista)

Macchine virtuose  (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)

Macchine virtuose (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)



SOMMARIO
MANIFESTAZIONI Carrara Marble Week: scultura, design, architettura  |L’appuntamento tedesco con il settore lapideo ARREDO URBANO Granito di Montorfano per misurare il tempo SCULTURA Kan Yasuda riesce a ...toccare il tempo | Il simposio di scultura sul Mar Nero | Le opere di Ponzanelli nella Basilica del Santo ARCHITETTURA L’architettura “densa” di Francisco Mangado RUBRICHE Eventi culturali | Fiere | Annunci economici | In breve

Articolo del mese
Granito di Montorfano per misurare il tempo
“Costruisco orologi solari perchè per me la pietra vive quando uno gnomone la accarezza e vi indica con incredibile precisione ora e stagioni... Posso dire come costruisco: con amore e passione”. Lo afferma Rodolfo Piralla che da anni si dedica alla realizzazione di meridiane ed orologi solari utilizzando il granito bianco di Montorfano, granito a grana medio-grossa omogenea, di colore chiaro uniforme dovuto al colore bianco dei feldspati e alla scarsità di biotite, estratto nelle cave di Mergozzo (Verbania). Una meridiana in granito posta in giardino rivaleggia in bellezza con qualsiasi statua o fontana, infondendo negli animi pace e spirito di contemplazione, qualificando il possessore come persona attenta alla natura e al cosmo. L’orologio solare è infatti un piccolo specchio della sfera celeste, che riproduce fedelmente i fenomeni che in essa avvengono. “Avere una meridiana nel proprio giardino - continua Rodolfo Piralla - significa riappropriarsi del proprio tempo, quello vero, passato ad occuparci delle cose e delle persone che amiamo, svincolati dal tempo tiranno al millesimo di secondo, che la vita moderna talvolta ci impone. Osservare il tempo come movimento dell’ombra su di una meridiana è dunque una esperienza filosofica, un viaggio fatto di calma e di perfetta sintonia coi propri ritmi circadiani, un’esperienza quasi mistica per chi vuole e può apprezzarla”. Gli orologi solari realizzati da Rodolfo Piralla sono collocati in giardini privati, ma anche in luoghi pubblici, come nel porto turistico di Loano (Savona), dove si trova l’orologio chiamato “Vela di Loano”. Si tratta di un “orologio doppio polare”: il quadrante dell’orologio è detto “polare” perchè gli gnomoni puntano esattamente alla Stella Polare e sono paralleli all’asse di rotazione terrestre. Il funzionamento è riassumibile in questo modo: al sorgere del sole, la faccia Est si illumina permettendo la lettura dell’ora solare fino alle ore 11 am. Dopo tale periodo la luce diviene estremamente “radente” rendendo difficile la lettura oraria, per questo motivo sulla parte inclinata è stato ricavato un semicerchio orario a “punto di luce”, che permette la lettura nei periodi a cavallo del mezzogiorno solare e precisamente dalle ore 11 alle ore 13. Successivamente, dalle ore 13 in poi è possibile leggere il quadrante denominato Ovest il quale funziona fino al tramonto del sole. È stato installato un “foro del mezzodì” avente principalmente scopo didattico e curioso, essendo di immediata lettura e comprensione. L’istante del mezzodì solare vero (quando il sole si trova esattamente a Sud) è facilmente identificabile come l’istante in cui tutta la parte interna del foro è completamente in ombra. Le iperboli solstiziali indicano il passaggio dell’ombra rispettivamente il 21 giugno (giorno con più ore di luce) ed il 22 dicembre (giorno con meno ore di luce). La scanalatura posta sulla parte inclinata di un valore pari alla latitudine di Loano, permette nottetempo la collimazione della Stella Polare. La linea orizzontale gialla con la scritta “Sorge” sulla faccia Est e “Tramonta” sulla faccia Ovest permette di interpolare in modo facile ed intuitivo per ogni giorno dell’anno i momenti della levata e del tramonto del sole. Le dimensioni dell’opera, ricavata da un monolite di granito di Montorfano, sono: cm. 395 di altezza, cm. 160 di larghezza, cm. 20 di spessore. Il peso è di circa 2,50. Le facce Est ed Ovest sono levigate mentre quelle Sud e Nord sono bocciardate. Notevole anche il quadrante solare equatoriale a dischi rotanti “Ore del mondo”. Questo strumento presenta due dischi rotanti che, usati insieme alla tabella presente sul piede dell’orologio consentono di conoscere l’ora di una qualsiasi località del mondo. È sufficiente leggere sulla tabella il numero di ore di anticipo o di ritardo che separano dal luogo di cui si vuole sapere l’ora, e quindi ruotare il disco del numero di ore corrette. L’orologio equatoriale cambia quadrante durante l’anno quindi da marzo a settembre è la faccia superiore ad essere illuminata e da ottobre a febbraio la faccia inferiore. Questo orologio equatoriale è completato dalla tabella dell’equazione del tempo e da particolari che richiamano il sole. Anche questo strumento è universale, inclinando infatti il supporto di un angolo pari a 90° meno la latitudine, la lettura risulta corretta all’equatore come ai poli. L’orologio equatoriale chiamato “San Salvador” possiede la curiosa caratteristica di illuminare le sue due facce alternativamente per 6 mesi l’anno. Dal 21 marzo al 22 settembre è la faccia superiore ad essere illuminata, dal 22 settembre al 21 marzo la faccia inferiore. Un ponticello a punto di luce indica l’ora e la stagione. La sfera posta in fronte rappresenta la Terra alla latitudine del luogo dove è collocato l’orologio. La sfera è lo specchio di ciò che accade sulla Terra durante le varie stagioni. Gli orologi solari e le meridiane di Rodolfo Piralla vengono realizzate presso l’azienda Piralla Graniti a Mergozzo (Verbania), specializzata nella lavorazione di granito bianco di Montorfano, serizzi e beole, granito rosa di Baveno, Marmo di Crevoladossola e altri materiali lapidei italiani.

 

« Indietro