1. SKIP_MENU
  2. SKIP_CONTENT
  3. SKIP_FOOTER
  • Marmo Rosso Verona per la Maternità (dal n. 669 L'Informatore del Marmista)
  • Realtà virtuale (dal n. 669 L'Informatore del Marmista)
  • Al Cibart di Carrara (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)
  • Macchine virtuose (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)
Marmo Rosso Verona per la Maternità  (dal n. 669 L'Informatore del  Marmista)

Marmo Rosso Verona per la Maternità (dal n. 669 L'Informatore del Marmista)

Realtà virtuale (dal n. 669 L'Informatore del Marmista)

Realtà virtuale (dal n. 669 L'Informatore del Marmista)

Al Cibart di Carrara (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)

Al Cibart di Carrara (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)

Macchine virtuose  (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)

Macchine virtuose (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)



Sommario
ARCHITETTURA IMAA 2004 premiano Nordafrica e Medio Oriente RESTAURO  Restauro per i marmi della Torre di Pisa | La tecnologia italiana per le pietre di Tirgu Jiu RICERCA L’odierno impiego del Nero Zimbabwe MATERIALI  Il granito finlandese Rosso Balmoral | Le pietre ornamentali della Campania SCULTURA  Dopo la videoscrittura la parola torna di pietra BENI CULTURALI Gli Asburgo stregati dagli intarsi italiani MANIFESTAZIONI  Il porfido rosso emblema dei sovrani RUBRICHE Notizie dalle aziende | Eventi culturali | Fiere |  Annunci economici | In breve | Scheda tecnica materiali 

Articolo del mese
Le pietre ornamentali della Campania di Nunzio Di Giacomo
Marmi e pietre ornamentali sono una realtà quotidiana; esse ornano e decorano i nostri ambienti di vita, gli edifici ed i musei; costituiscono le opere d’arte, le colonne, i capitelli, l’arredo urbano ed in genere oggetti e manufatti di pregio estetico e decorativo che ci danno sensazioni ed emozioni, di tatto e di percezione cromatica, raccogliendo in se stesse il concetto del bello e del colore. L’utilizzo dei marmi e delle pietre ornamentali nasce verso la fine della repubblica quando vengono introdotti a Roma il “giallo antico”, “l’africano”, il “pavonazzetto” ed il “portasanta”. In età augustea compaiono il “rosso antico” ed il “cipollino” ed Augusto stesso dettò la moda, con il verde ed il giallo.

Ma la più importante delle pietre utilizzate dall’impero è il “porfido rosso”, importato dall’Egitto, che diventerà poi il simbolo stesso del potere imperiale. ...La Campania annovera numerose pietre ornamentali. In provincia di Avellino i calcari ornamentali vengono indicati come “ pietra di Fontanarosa “ o “breccia irpina” costituita da clasti poligenici marnosi e diasprigni con intercalazioni di argilla verde-rossastra. ...Ogni pietra o marmo ha caratteristiche tecniche ed una personalità unica che ne determina l’elevato valore. Diversamente dagli altri settori, quello dei marmi e delle pietre ornamentali conduce ad un prodotto finale che deriva da una materia prima naturale, unica e non più riproducibile. Se ogni singola fase di lavorazione è condotta con competenza e capacità adeguate, il risultato è sempre un prodotto di qualità. Storia, identità culturale, caratteri tecnici ed estetici e qualità del prodotto sono il percorso obbligato per la valorizzazione delle pietre ornamentali della Campania. 

« Indietro