1. SKIP_MENU
  2. SKIP_CONTENT
  3. SKIP_FOOTER
  • Macchine virtuose (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)
  • Al Cibart di Carrara (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)
  • Realtà virtuale (dal n. 669 L'Informatore del Marmista)
  • Marmo Rosso Verona per la Maternità (dal n. 669 L'Informatore del Marmista)
Macchine virtuose  (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)

Macchine virtuose (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)

Al Cibart di Carrara (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)

Al Cibart di Carrara (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)

Realtà virtuale (dal n. 669 L'Informatore del Marmista)

Realtà virtuale (dal n. 669 L'Informatore del Marmista)

Marmo Rosso Verona per la Maternità  (dal n. 669 L'Informatore del  Marmista)

Marmo Rosso Verona per la Maternità (dal n. 669 L'Informatore del Marmista)

LE FOTO DI AURELIO AMENDOLA



Aperta fino al 18 febbraio 2012 presso la Fondazione Marconi a Milano la mostra Aurelio Amendola, con due temi:  “Happenings” e “Pinacoteca di Ritratti d’Artista”. Il lavoro di Aurelio Amendola spazia tra i generi più diversi: il paesaggio, le foto d’architettura, il reportage, le sculture del Rinascimento italiano, documentate con meravigliose immagini in bianco e nero. Nel vasto repertorio della sua fotografia, Amendola ha dedicato soprattutto molta attenzione ai pittori e agli scultori dell’arte del Novecento.
La mostra alla Fondazione Marconi presenta infatti i protagonisti dell’arte contemporanea, catturati dall’obiettivo del fotografo nei loro studi, nelle abitazioni private, al lavoro. Al primo piano una Pinacoteca di Ritratti d’Artista: Giorgio De Chirico seduto in una gondola a Venezia, Marino Marini sulla spiaggia di Forte dei Marmi con un cavallo, César di fianco ad un enorme scultura, Fausto Melotti ritratto in un giardino di Milano, Mario Schifano con un pennello che gli copre gli occhi, Piero Dorazio mentre dipinge, Arnaldo Pomodoro.. Fotografie scattate dagli anni ’70 all’inizio del 2000. Dalla disponibilità di questi a posare per il fotografo si capisce il rapporto di fiducia e di amicizia che Amendola è riuscito ad instaurare con i soggetti. Al secondo piano Happenings documenta invece le fasi di nascita e di elaborazione di importanti opere: una fiamma che copre il volto di Alberto Burri, che diventa un tutt’uno con la combustione, Emilio Vedova coperto di pittura, quasi ad essere una naturale continuazione della sua tela, Antonio Recalcati, sdraiato, colto nell’atto di dipingere la tela con una benda sugli occhi, Claudio Parmiggiani, in un labirinto di cristallo, Marcello Jori, mentre si ricopre interamente di colore e Enzo Cucchi mentre lavora a Pietrasanta. (Fonte: Ufficio Stampa Fondazione Marconi Arte Moderna e Contemporaea)

« Indietro