1. SKIP_MENU
  2. SKIP_CONTENT
  3. SKIP_FOOTER
  • Macchine virtuose (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)
  • Marmo Rosso Verona per la Maternità (dal n. 669 L'Informatore del Marmista)
  • Al Cibart di Carrara (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)
  • Realtà virtuale (dal n. 669 L'Informatore del Marmista)
Macchine virtuose  (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)

Macchine virtuose (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)

Marmo Rosso Verona per la Maternità  (dal n. 669 L'Informatore del  Marmista)

Marmo Rosso Verona per la Maternità (dal n. 669 L'Informatore del Marmista)

Al Cibart di Carrara (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)

Al Cibart di Carrara (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)

Realtà virtuale (dal n. 669 L'Informatore del Marmista)

Realtà virtuale (dal n. 669 L'Informatore del Marmista)

CALA L'EXPORT DI MARMI E GRANITI



Nei primi sei mesi del 2008 il settore lapideo italiano ha esportato 1 milione e 610 mila tonnellate, per un valore di 849 milioni e 890 mila euro, con un calo del -1,7% in quantità e del -4,8% in valore rispetto allo stesso periodo del 2007. Lo rende noto l’Internazionale Marmi e Macchine Carrara, che ha elaborato le statistiche sui dati Istat limitando le valutazioni ai materiali e prodotti di maggior pregio (marmi, graniti e travertini, grezzi e lavorati) non comprendendo nella valutazione granulati, polveri ed ardesie.

Se il confronto fra i primi semestri del 2008 e quello del 2007 fosse esteso anche a queste categorie, si avrebbero, secondo l’Ufficio Studi IMM, diminuzioni ben superiori tanto in quantità che in valore (v. tabelle pagg. 10-11).
Si tratta di contrazioni rilevanti perché comportano una perdita di valore medio per tonnellata di esportato pari al -3,1% e, nel raffronto fra 2007 e 2008, si riscontra una positività sui blocchi e sulle lastre e una negatività sui lavorati (particolarmente di granito) anche se è difficile definire quanto abbia pesato l’andamento del dollaro nei confronti dell’euro per la redditività dei lavorati esportati soprattutto in Nord America. 
Il valore medio dei lavorati italiani si conferma in crescita su quasi tutte le voci per l’Unione Europea (particolarmente per marmo e travertino) ma anche per il resto del Continente mentre aumentano il valore medio marmi e travertini lavorati esportati in Nord America con un +9% circa per tonnellata. Emerge, in questo semestre, una situazione molto variegata, che è difficile ricondurre ad un’unica chiave di lettura perché comprende elementi positivi e negativi ma in un quadro che tende al peggioramento...

« Indietro