1. SKIP_MENU
  2. SKIP_CONTENT
  3. SKIP_FOOTER
  • Al Cibart di Carrara (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)
  • Realtà virtuale (dal n. 669 L'Informatore del Marmista)
  • Marmo Rosso Verona per la Maternità (dal n. 669 L'Informatore del Marmista)
  • Macchine virtuose (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)
Al Cibart di Carrara (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)

Al Cibart di Carrara (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)

Realtà virtuale (dal n. 669 L'Informatore del Marmista)

Realtà virtuale (dal n. 669 L'Informatore del Marmista)

Marmo Rosso Verona per la Maternità  (dal n. 669 L'Informatore del  Marmista)

Marmo Rosso Verona per la Maternità (dal n. 669 L'Informatore del Marmista)

Macchine virtuose  (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)

Macchine virtuose (dal n. 667 L'Informatore del Marmista)

RADIOATTIVITA' DEI MATERIALI DA COSTRUZIONE



Il problema della radioattività deve essere valutato senza allarmismi. I materiali da costruzione  che possono comportare emissione di radioattività sono naturali (come le rocce ornamentali) o materiali artificiali, quali il cemento o i prodotti ceramici, fabbricati con materie prime naturali o artificiali ad alto contenuto di radioattività.

…Occorre ricordare che il radon  emesso da materiali da costruzione e liberatosi in atmosfera non crea problemi sanitari…(dal n. 468 L’Informatore del Marmista).
Dopo la pubblicazione dell’articolo “What’s lurking in your countertop?” sul New York Times del 24 luglio 2008, appare preoccupante la reazione dei consumatori statunitensi, che continuano a ricevere informazioni negative sull’utilizzo del granito anche da programmi televisivi e radiofonici. È in atto una campagna denigratoria e marcatamente commerciale che va contrastata immediatamente con la corretta informazione. Il Marble Institute of America sta promuovendo la campagna “Granit is safe”, per la quale richiede il sostegno delle aziende italiane.
Sulla rivista specializzata tecnico-scientifica L’INFORMATORE DEL MARMISTA sono già stati pubblicati numerosi articoli atti a sensibilizzare il mondo degli imprenditori sul problema della “radioattività del granito”. Sul numero 561 sarà pubblicata un’altra nota di approfondimento, con dati rigorosamente tecnici. 

Verona, 8 agosto 2008
L’importanza dell’informazione qualificata
Il danno per la salute umana da radioattività di materiali da costruzione, con particolare riguardo alle rocce chiamate commercialmente “graniti”, torna ciclicamente in discussione con risonanza di peso diverso a seconda dell’impatto del mezzo di diffusione. Oggetto di considerazioni in convegni specifici che restano chiusi al pubblico, esso raggiunge talora la ribalta attraverso media importanti, producendo grande preoccupazione per essere poi nuovamente accantonato. In alcuni casi può influenzare l’utilizzo di un materiale al posto di un altro, creando allarmismo verso certi prodotti e conseguentemente un danno economico anche rilevante. Spesso il problema non è noto in termini scientifici corretti e la non conoscenza produce un approccio scorretto. Dopo la pubblicazione dell’articolo “What’s lurking in your countertop?” sul New York Times del 24 luglio 2008, appare preoccupante la reazione dei consumatori statunitensi, che continuano a ricevere informazioni negative sull’utilizzo del granito anche da programmi televisivi e radiofonici. È in atto una campagna denigratoria e marcatamente commerciale che va contrastata immediatamente con la corretta informazione. Il Marble Institute of America sta promuovendo la campagna “Granit is safe”, per la quale richiede il sostegno delle aziende italiane.
Da parte nostra ricordiamo che sulla rivista specializzata tecnico-scientifica L’INFORMATORE DEL MARMISTA sono già stati pubblicati numerosi articoli* atti a sensibilizzare il mondo degli imprenditori sul problema della “radioattività del granito”. Sul numero 561 sarà pubblicata un’altra nota di approfondimento, con dati rigorosamente tecnici. Sottolineiamo in questa occasione il ruolo di informazione qualificata svolto da sempre dalla nostra testata, con il valido supporto dei componenti il comitato scientifico e ricordiamo l’importanza a livello internazionale della rivista, grazie anche alla traduzione integrale in lingua inglese, alla spedizione agli abbonati in tutto il mondo e alla possibilità di consultazione dal sito www.zusieditore.it
Scopo primario di una rivista specializzata è la diffusione della conoscenza tecnicoscientifica, della cultura, senza le quali non ci può essere marketing in un mercato globalizzato e agguerrito che propone una varietà infinita di prodotti concorrenziali. Per facilitare ricerche e approfondimenti utili agli imprenditori e ai loro clienti, nonchè agli utilizzatori, elenchiamo di seguito gli articoli pubblicati sulla rivista mensile L’INFORMATORE DEL MARMISTA, in cui sono sintetizzate le ricerche sulla radioattività del granito e restiamo a disposizione per ogni ulteriore informazione in merito.

Cordiali saluti,
Carla Zusi
Direttore responsabile
L’INFORMATORE
DEL MARMISTA

*
Fiora L. (2000) – Radioattività dei materiali da costruzione. L’Informatore del
Marmista, Giorgio Zusi Editore Verona, 468, 6-14
Fiora L. (2003) – Minerali radioattivi in rocce “granitiche”. L’Informatore del
Marmista, Zusi Verona, 493, 17-25
Fiora L., Alciati L., (2004) – Nuovi graniti e pietre della Groenlandia.
L’Informatore del Marmista, Zusi Verona, 511, 30-41
Fiora L., Belluso E. (2002) – La causa della colorazione dei graniti gialli.
L’Informatore del Marmista, Giorgio Zusi Editore, Verona, 482, 6-16
Fiora L. (2000) – Radioattività di materiali da costruzione. L’Informatore del
Marmista, Giorgio Zusi Editore Verona, 468, 6-14
Fiora L., Belluso E. (2002) – La causa della colorazione dei graniti gialli.
L’Informatore del Marmista, Giorgio Zusi Editore, Verona, 482, 6-16
Fiora L. (2007) – Il colore della pietra – CD ROM, Giorgio Zusi Editore, Verona.

« Indietro